Exosphere

 photo ExoLogo.png

giovedì 30 agosto 2012

Dividi et Impera




L´Italia era gia´fallita prima di entrare nell´euro, decenni di politiche interventiste avevano distrutto la gia´precaria struttura di produzione nazionale, le continue svalutazioni "competitive" insieme alle conseguenti inflazioni monetarie avevano fatto della lira e del nostro Paese la parodia di un Paese cosiddetto industrializzato. 

Solo la nostra straordinaria genuina classe imprenditoriale della Piccola e Media Industria teneva a galla questo Paese e per quanto possibile a distanza la sua casta politica e finanziaria

L´ingresso nell´euro, accordato in cambio di una sopravvalutazione della lira nei confronti del marco tedesco, permise alla nostra corrotta classe politica (insieme a tutta l´elite politica della vacchia europa in verita´) non solo di evitare il fallimento, ma di continuare addirittura per un altro decennio la classica politica di sperpero delle sempre piu´scarse risorse nazionali, gia´devastate nei decenni precedenti

Ma ora é arrivato il momento di pagare il conto e l´arroganza e la perversione dei nostri politici non sembra avere fine, non solo infatti sono rimasti impuniti, ma si sono arrogati il diritto di far pagare il conto alla classe piu´produttiva : proprio a quegl´imprenditori che avevano tenuto a galla il Paese e i loro privilegi!

Roba da matti!

Da quest´articolo del The Daily Bell apprendiamo che il sociopatico presidente Monti ha dichiarato "guerra agli evasori" promuovendo con incredibile superficialita´quel pericoloso virus dell´invidia sociale, niente é piu´efficace nel nascondere le vere colpe di un governo che appellarsi alla guerra di classe!

E´la vecchia scuola del dividi et impera !

Apprendiamo che la guerra ai proprietari di yacths é oramai senza quartiere, 30.000 mila imbarcazioni si sono trasferite in porti all´estero, 350milioni di euro é la stima dei mancati ricavi! 

Complimenti professor Monti!

Peccato che sia solo la classe imprenditoriale a creare ricchezza...anche per te professor Monti!

Nessun commento: