Exosphere

 photo ExoLogo.png

giovedì 29 settembre 2011

Comprare Oro, investire in Cile e capire la crisi con la Scuola Austriaca I

Introduzione

Comprare oro ( oppure argento e altri metalli preziosi come il platino ed il palladio), investire i propri risparmi in un fondo di Private Equity in un Paese con un sistema economico-politico-sociale stabile, ricco, in crescita, aperto e relativamente libertario  come il Cile


Abbiamo costituito The Lastarria Group per offrire queste due soluzioni a coloro che iniziano ad intuire la verita´sull´attuale crisi economica, che non intendono restare inermi e lasciarsi defraudare da una politica corrotta e disperata e che invece vogliono agire e capire !



Le ragioni della nostra decisione di investire in Cile sono espresse in un mio recente post "Perche´lasciare l´Italia ed investire in Cile con The Lastarria Group"


Per quanto riguarla l´acquisto di oro, abbiamo chiuso un accordo con un´importante societa´svizzera, La Global Gold  , appartenente ad un altrettanta importante societa´di gestione di patrimoni come La BFI Capital Group . Global Gold e´una delle migliori societa´al mondo nella vendita di oro. La caratteristica unica di Global Gold e´rappresentata dal fatto che offre l´opportunita´di acquistare e conservare fisicamente in Svizzera oro, argento, platino e palladio. Il proprio acquisto e´detenuto e conservato fisicamente nei forzieri svizzeri del Gruppo nel formato prescelto dall´acquirente, sia in forma di moneta che di placca, pronto per essere inviato fisicamente, ad immediata richiesta, in ogni luogo del mondo, cosi come puo´essere venduto al prezzo corrente con accredito immediato in qualsiasi momento . 
L´unico limite e´rappresentato dall´entita´minima di acquisto pari a 50.000 franchi svizzeri ( circa 40.000€ al cambio corrente),  questo limite e´imposto dalla necessita´di acquistare fisicamente una porzione di metallo senza condividerla con nessun altro.



Per qualsiasi informazione relativa al Cile piuttosto che alla Global Gold puoi contattarmu direttamente alla mia email : antomanno@gmail.com


Ma torniamo a noi, al perche´delle due soluzioni che ti propongo per proteggere i risparmi da una crisi che non sembra finire mai, ma che invece si aggravera´inesorabilmente fino a minacciare interamente il tuo patrionio.


La prima risposta potrebbe essere scontata per me : perche´questa e´la crisi finale, perche´questa volta non ci sara´nessuno Stato a proteggerti,perche´questa volta devi farlo tu, con le tue forze e con la tua intelligenza, questa volta non potrai delegare a nessun altro , dovrai preoccupartene direttamente...non potrai fare a meno di studiare, capire e agire.
Questo e´l´obiettivo che mi sono dato con l´apertura di questo blog


Ma, ancora, perche´queste due soluzioni dell´oro e del Cile ?


Be´,ancora, potrei dirti che per comprenderle dovresti "solo" studiare le vere cause di questa crisi e cosi afferrarne direttamente le ragioni, cosi da sapere esattamente come proteggersi; per fare questo dovrei allora dirti che sarebbe "sufficiente" studiare approfonditamente la Scuola Austriaca di Economia per diversi anni, cosi come ho fatto io sin dal 2008 ! 

Infatti solo la Scuola Austriaca e´in grado di spiegare con estrema chiarezza, logica e incontrovertibilita´non solo i fondamenti teorici della scienza economica, ma soprattutto le reali cause e conseguenze dell´attuale crisi economica e delle assurde e devastanti politiche economiche di "recupero" che ti porteranno esattamente nella direzione opposta a quella che ti viene prospettata, proprio nella direzione verso la distruzione dei tuoi risparmi, d´altronde basta che rifletti su tutto cio´che ti hanno detto almeno dal 2008 in poi...


Infatti la mia decisione di inziare a scrivere, non senza grande fatica, questo blog, di partecipare alla fondazione di The Lastarria Group, cosi come di lasciare l´Italia e andare in Cile ed infine offrire l´opportunita´di acquistare direttamente l´oro , e´stata determinata proprio dall´aver assimilato completamente le basi teoriche della Scuola Austriaca di Economia e cosi´ottenuto la certezza teorica, confermata dal ragionamento logico, non solo delle cause della crisi ma soprattutto delle conseguenze e delle soluzioni per evitarne le piu´pericolose conseguenze


Ma ora mi accingo ad accettare una sfida ancora piu´ardua, probabilmente pretenziosa, ma che mi frulla in testa da troppo tempo: provare a riassumerti in poche parole e soprattutto con termini semplici e reali l´essenza della Scuola Austriaca di Economia, cosi da darti modo di iniziare a capire da te stesso le reali cause e le pericolose conseguenze della crisie , cerchero´di raccontartela in termini reali cosi da farti toccare con mano dove stiamo andando e come mio ritorno, mi bastera´che avrai compreso le ragioni alla base delle soluzioni di protezione che ti sto proponendo


La sfida e´ardua e pretenziosa perche´cerchero´di mettermi nei panni di una persona comune, che non ha nessuna conoscenza di economia, cerchero´di seguire´la logica ed il pensiero critico, o se vuoi, il senso comune e mi riferiro´ai concetti dell´economia reale, quella vera, senza ricorrere alle formule matematiche o alle astrazioni tipiche dei ragionamenti astrusi dei pseudo-esperti dell´accademia e dei mass media ( per gli appassionati di economia anticipo subito che ho orientato la mia argomentazione seguendo un illuminante e vecchio libro di un brillante economista austriaco contemporaneo e appartenente al gruppo di economisti del circolo viennese di Von Mises, Richard Von Strigl, il libro e´ "Capital & Production"

Ma prima ancora di procedere, avverto la necessita´di dovermi scusare in anticipo di diversi piccoli errori che sono sicuro non riusciro´ad evitare di commettere : mi scuso sin da ora della lunghezza di questi post,delle numerose ripetizioni dei concetti chiave che intendo esprimere e, non per ultimo, dell´ordine caotico degli argomentii trattati e probabilmente dell´apparente ingenuita´di alcune argomentazioni che spesso potrebbero venir fuori, ma, a mia difesa, posso dire che l´argomento e´troppo importante per non accettare la sfida , che si tratta di un argomentazioni estremamente difficili da sintetizzare e spiegare a parole semplici, soprattutto perche´ io sono un imprenditore che si e´sempre sporcato le mani nel mercato e che non ha mai fatto accademia, men che mai sono uno scrittore, ma e´proprio dal mio punto di vista di semplice imprenditore e uomo della strada che voglio raccontarti la crisi economica,  percio´sono sicuro che mi perdonerai questi piccoli errori.

Per quanto mi riguarda, se ti ho solo incuriosito e lasciato riflettere su quest´argomento per un solo istante, be´,credimi, per me sara´stato un grande risultato!
 

L´indice degli argomenti che trattero´e´il seguente :


- La vera Economia
- Il Risparmio
- Il Costo Opportunita´
- La Preferenza Temporale
- La Produttivita´
- Il denaro ed il sistema bancario
- Il ciclo economico, il boom e la crisi
- L´attuale crisi economica e le conseguenze
- Conclusioni

Per non lasciarti a secco e per non iniziare con dei post gia´eccessivamente lunghi, iniziamo con alcune righe del primo argomento : La Vera Economia!


La vera Economia
 

Sappiamo benissimo che l´economia e´quella scienza che deve risolvere un problema fondamentale relativamente alla sopravvivenza del genere umano, l´allocazione delle risorse scarse del pianeta, infatti la dura realta´e´che non viviamo in Paradiso percui dobbiamo necessariamente alimentarci per sopravvivere, l´economia si occupa di studiare il miglior modo per risolvere tale problema , come organizzare al meglio la societa´e la cooperazione umana



Allocare le risorse scarse del pianeta significa essenzialmente organizzarle ed utilizzarle per produrre i beni e servizi di consumo necessari alla nostra sopravvivenza, infatti per quanto diversamente la pensiamo politicamente o sociologicamente c´e´un altra verita´irrefutabile da considerare, l´uomo non potrebbe sopravvivere se non consumasse continuamente i beni di consumo necessari al proprio sostentamento materiale, chiameremo questi beni di consumo:  mezzi di sussistenza ( puoi tranquillamente pensare a questi mezzi come al vero e proprio cibo necessario alla nostra alimentazione). E´fin troppo evidente l´impossibilita´di pensare alla sopravvivenza dell´uomo senza concepire una continua alimentazione di mezzi di sussistenza come cibo ed acqua

Produrre significa fondamentalimente utilizzare le risorse scarse del pianeta per ottenere i mezzi di sussistenza necessari al sostentamento del genere umano, per immaginare cio´pensa ad una qualsiasi produzione agricola dove c´e´un utilizzazione reale di alcune risorse scarse del pianeta , pensa ad un campo agricolo da coltivare come un vigneto (il fattore di produzione che gli economisti chiamano "terra), pensa al lavoro del contadino-operaio (il fattore di produzione che gli economisti chiamano "lavoro") e pensa infine al trattore piuttosto che al fertilizzante ( il fattore di produzione che gli economisti chiamano "bene capitale"). 

Dall´utilizzo di tali risorse scarse ( che gli economisti chiamano "fattori di produzione") si ottengono, come risultato, come raccolto, proprio gli ulteriori mezzi di sussistenza che sono cosi´ necessari alla nostra sopravvivenza ( il raccolto ottenuto dalla "produzione" sostenuta nel nostro vigneto come l´uva, ma potrebbe essere il grano, la verdura, la frutta ecc ecc tutti questi sono cio´ che gli economisti chiamano i beni di consumo)


In sintesi possiamo dire che l´economia studia l´allocazione delle risorse scarse del pianeta al fine della produzione dei mezzi di sussistenza necessari alla sopravvivenza del genere umano













1 commento:

rufus ha detto...

L'economia non e' affatto una scienza, purtroppo o per fortuna.

Addizioni, sottrazioni, divisioni, qualche montante se va bene, ma raramente e' possibile avere previsioni attendibili.

Ed e' molto semplice, solo che per parlarne e per lavoraci attorno bisogna presentarla come fose complicata.

Ad esempio, questi rishi di Default, di fallimento, e queste agenzie di rating:
1-un paese mette le proprie azioni sul mercato.
2 - investitori comprano, perche' un paese, e' genralmente in grado di pagare (grazie alle tasse) e questo sembra un sistema abbastanza sicuro.
3 - il paese sperpera e male amministra.
4 - un pease non e' diverso d aun azienda e infatti riceve dei rating per le sue azioni.
5 il pease fallisce, o non e' in grado di pagare
6 - gli investitori hanno perso il valore delle azioni che hanno comprato. La prossim avolta forse controlleranno meglio quello che comprano.

Solo la Merkel ha detto che un po' dei debiti se li dovevano accollare gli investitori, per il resto, questa "scienza" dichiara che l'investitore e' comunque garantito anche se investe in banane avariate. Ma quale scienza?
E' tanto tanto semplice. grazie per lo spazio!